Il suono dei pensieri nella testa

Si conclude nelle Biblioteche Civiche Torinesi la serie dei quattro appuntamenti previsti nell'ambito della decima edizione de La scienza narrata.

A farci compagnia, lo scrittore Mario Capello, il responsabile de La Stampa Tuttoscienze Gabriele Beccaria e il professore di Linguistica generale Andrea Moro, i cui ultimi studi sul rapporto tra il linguaggio e il cervello – raccontati nel libro I confini di Babele – ci lasciano senza dubbio a bocca aperta.

“No, non è possibile” ci verrebbe da dire. E invece sì! Il professor Moro, coadiuvato da un team di ricercatori dell'Università di Pavia e della Scuola superiore Universitaria Iuss-Pavia, ha misurato l'attività elettrica del cervello in pazienti sottoposti a delicate operazioni neurochirurgiche cui era stato chiesto di leggere delle frasi, prima a voce alta, poi solo mentalmente. L'esperimento ha dimostrato che, quando si pensa in silenzio, le aree cerebrali deputate al linguaggio lavorano un sacco e lo fanno producendo onde elettriche che copiano in tutto e per tutto le onde acustiche delle parole corrispondenti.

Riuscite a immaginare cosa potrebbe voler dire? Be', che in un futuro non troppo lontano i vostri genitori, o i vostri insegnanti, potrebbero leggere i vostri pensieri!

Incontro di Torino, 09.03.2016